Cerca nel blog

venerdì 31 agosto 2012

Kengo

Sei nato il 16 Luglio 2012 alle 10.00 del mattino.
Lo scrivo perche', come capita a tutti, prima o poi ti verra' in mente di chiederlo, e allora mi troverai pronta!
In realta' il tuo arrivo era previsto per il 20 Luglio, ma hai pensato bene di anticipare i tempi (forse un po' di impazienza che hai preso da tua madre?). Nel giorno della tua nascita i giapponesi hanno collocato la festa del mare, quindi devo proprio dire che la tua data di nascita mi piace proprio!!
La tua mamma e il tuo papa' si conoscono da tanti anni, e sono stati insieme per ben dieci anni prima di sposarsi: avendo vissuto per molto tempo a distanza probabilmente questo arco di tempo andrebbe rivisto al ribasso, ma in ogni caso per dieci anni hanno fatto avanti e indietro tra Europa (non solo Italia) e Giappone - con grande gioia delle compagnie aeree!
Dopo un annetto di matrimonio, il papa' ha detto alla mamma "adesso dovremmo pensare a un bambino" e cosi' sei arrivato tu.


A dicembre dell'anno scorso eri grande ben 8.1 mm, e il tuo cuoricino era una piccola intermittenza che illuminava lo schermo dell'ecografo. In quel momento la mamma ha cominciato ad avere il fiato corto: tu eri reale, crescevi dentro di lei e dovevi essere protetto.
Nonostante tutto, non appena arrivata in Sardegna per le vacanze, la mamma ha rischiato di perderti! Una notte, all'improvviso, tanto sangue e una corsa in ambulanza fino all'ospedale di Cagliari. Di quella notte la mamma ricordera' sempre tutte le lacrime versate, le mille scuse rivolte al papa' (anche se ripensandoci adesso nemmeno lei sa indicare i motivi di tutte quelle scuse) e la paura di averti perso...
Per fortuna tu eri sano e salvo: la mamma vorrebbe dire che saperti ancora con lei l'aveva tranquillizzata, ma in realta' la paura che una cosa simile accadesse ancora l'ha accompagnata per tutto il resto della gravidanza.
E cosi' siamo arrivati fino al mese di Luglio: la pancia della mamma cresceva a dismisura (pensa che al momento del parto era ingrassata di ben 14 kg!) e con lei crescevi anche tu: all'ultima visita il tuo peso stimato era di 3.5 kg (e la mamma stava cominciando a preoccuparsi seriamente per gli aspetti logistici del parto...).
Il 15 Luglio 2012, una delle tante domeniche in cui mamma e papa' escono per fare la spesa settimanale, la mamma ha cominciato ad avvertire qualcosa di strano, e nel dubbio insieme al papa' e' andata fino all'ospedale: niente da fare, avere qualche perdita e' normale, meglio non preoccuparsi troppo fin quando non si presentano chiari sintomi di parto (contrazioni ogni 5/10 minuti, perdite di liquido amniotico e cosi' via).
E con queste rassicurazioni mamma e papa' sono andati a fare benzina (un altro dovere del fine settimana per loro).
Al distributore di benzina la mamma sente un forte dolore e corre al bagno: qualcosa era uscito, un sacco di liquido completamente inodore! Che cos'era? Ed era il caso di tornare in ospedale oppure no?
In questo caso la mamma ha deciso che era meglio tornare a casa ed aspettare gli sviluppi: diciamolo, un po' si vergognava a tornare in ospedale per scoprire che si trattava di un altro falso allarme, e in ogni caso non provando nessuno dei tipici dolori "da parto" voleva seguire alla lettera le istruzioni dell'ospedale e ripresentarsi solo in caso di contrazioni ravvicinate!
Beh, dal ritorno a casa in poi le contrazioni hanno cominciato a farsi sentire, prima a distanza e poi via via sempre piu' vicine: era ormai passata l'una di notte quando la mamma ha chiesto al papa' di chiamare l'ospedale.
E questa volta si trattava di vere contrazioni! Quindi la mamma e' stata ricoverata e il papa' e' tornato a casa a dormire: per ottenere una dilatazione ottimale sarebbero servite parecchie ore e non c'era nessuna necessita' di trattenersi in ospedale (se ti e' venuto il dubbio te lo confermo immediatamente: la mamma ha invidiato profondamente il papa' ed ha desiderato di poter tornare a casa con lui ma non era proprio possibile!).
Pero' qualcosa non andava... Per questo motivo dopo una notte decisamente dolorosa il medico ha chiesto alla mamma di chiamare subito il papa': stavano valutando l'intervento, la mamma non si dilatava abbastanza e tu stavi cominciando a mostrare segni di sofferenza...
Ancora una volta la mamma correva il rischio di non conoscerti, quindi sentire parlare di intervento non le ha fatto poi molta paura! Il papa' e' arrivato, ha firmato tutti i moduli del caso (interessante quello in cui si elencava, tra i rischi dell'epidurale, anche la possibilita' che i denti ricostruiti cadessero!) e finalmente la mamma era in sala operatoria!
Dopo un'oretta di lavoro sei venuto al mondo!!
La mamma aveva vicino un'infermiera che le parlava, e a cui ha subito domandato "e' maschio o femmina?": devi sapere che per tutto il corso della gravidanza i tuoi genitori non avevano voluto sapere se eri maschio o femmina.
Non appena uscito hai pianto subito, e la mamma ha tirato quel sospiro di sollievo che si teneva dentro da mesi.
Nelle due settimane successive la mamma e il papa' si sono cimentati nella ricerca del tuo nome: Devi sapere che il papa' voleva assolutamente darti un nome che si potesse scrivere in kanji, e che in Giappone si crede che se il numero dei tratti necessari per scrivere il tuo nome non e' propizio attirera' la sfortuna! Beh, grazie a questa credenza la scelta del nome e' stata piuttosto complicata...
I nomi maschili italiani non sono facilmente trascrivibili in kanji, e quanto a nomi giapponesi la mamma e il papa' non si trovavano molto d'accordo. Insomma, erano bloccati! Pero' la mamma a un certo punto ha avuto l'idea giusta: partendo da "mi piacciono i nomi che cominciano con Ke-/Ken-" ha dato al papa' lo spunto giusto per arrivare al tuo nome! Da qui sono arrivati anche i kanji piu' propizi, 健吾 con il significato di "costruisci te stesso" e la speranza di riuscire a darti i mezzi necessari per riuscire a cavartela da solo nella vita.
Il resto del tempo e' passato molto in fretta: ormai sei entrato nella famiglia da un mese e mezzo, e anche se qualche volta li fai proprio stancare la mamma e il papa' non potrebbero immaginare una vita senza di te. Li hai proprio conquistati, ma cerca di non approfittarne troppo quando sarai piu' grande, ok?

19 commenti:

  1. Wowww ma e' un amore complimenti !!! Ti seguo sempre e anche io ne dato sospettando una sono alla 30 settimana e gia' sono troppo curiosa di vederla si chiamerà Sara. Anche noi stiamo assieme da quasi 10 anni e due di matrimonio un bacione meme

    RispondiElimina
  2. Dany mi hai fatto venire i lacrimoni!!! Un amore infinito!!! Spero di poter conoscere il piccolo Kengo! ;)
    Bacioni

    RispondiElimina
  3. Che amoreeeeeeee!
    Mi hai fatto commuovere...T-T
    E' un bimbo bellissimo!

    RispondiElimina
  4. Bellissimo post ^___^ Mi hai fatta commuovere!

    RispondiElimina
  5. Tante congratulazioni per questo nuovo arrivo! Auguro al piccolo di essere sempre capace di costruire al meglio se stesso, il nome che avete scelto è davvero di buon auspicio!

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutti per i vostri commenti!
    Kiruccia: spero anche io di poterti presentare questo piccolino al piu' presto. Per ora non so se verro' dalle tue parti, ma nel caso dobbiamo incontrarci assolutamente :-D

    RispondiElimina
  7. Mi sono commossa! Congratulazioni

    RispondiElimina
  8. Wow! Ho ancora le lacrime agli occhi e non è neppure un mio nipotino!!
    Congratulazioni ai genitori e benvenuto Kengo!
    Ti darei un bacino sul naso!

    RispondiElimina
  9. Mi hai fatto commuovere...ç___ç;
    AUGURONI!!!!! ^___^

    RispondiElimina
  10. super congratulazioni!!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Prima di tutto auguroni e complimenti per il bellissimo bambino !!
    Mi chiamo Stefano e vivo a Firenze.
    Sono sposato da 12 anni con una ragazza giapponese ed abbiamo un bambino di 11 anni.
    Questa estate sono stato per tutto agosto in Giappone e mi pare non troppo lontano da dove abiti tu.
    I suoi genitori sono di Nishinomya-Hyogo.
    Stiamo progettando di trasferirci là e proprio per questo sono sempre alla ricerca su internet di blog di italiani che vivono stabilmente in Giappone per non arrivare completamente impreparato.
    Sono già stato tante volte in Giappone,ma sempre per periodi non superiori al mese e sempre da "turista"..diciamo cosi,quindi mi incuriosisce molto leggere blog di chi invece ci vive stabilmente.
    Complimenti per il blog ed ancora congratulazioni per il nuovo arrivo....ti assicuro che il "mix" Italia/Giappone è eccezionale !!!

    RispondiElimina
  12. Ciao Stefano,
    piacere di conoscerti e grazie per il messaggio (e per i complimenti).
    Se hai domande chiedi pure, per quello che riguarda i miei primi quattro anni in Giappone faro' del mio meglio per risponderti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniela per la tua risposta e la tua disponibilità.
      Non ho domande in particolare da fare od interrogativi da risolvere,anche perche avendo la moglie giapponese posso chiedere direttamente a lei e credo che tu ora sia mooolto impegnata su altri fronti!! :)
      Comunque,se avessi bisogno di far luce su qualche curiosità,ti chiederò.
      Grazie ancora e buon lavoro con il piccolo!!
      Gambatteneeee !

      Elimina
  13. Io nel 2010 al terzo mese d gravidAnza ho perso un bimbo e nn e' facile dimenticare...le altre due gravidanze sono state dure c sn stati momenti d panico (emorragie.)..ma adesso sn felice con i miei due anatroccoli...quindi capisco cosa hai passTo. Tanti auguri Dani. Lucia Noto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucia, non so come ringraziarti! Un abbraccio grande :)

      Elimina
  14. Questo post mi ha commossa. ^_^
    Congratulazioni per il piccolo! Ora che è cresciuto un po' è ancora più bello. Ti somiglia tanto e in foto fa sempre delle espressioni veramente simpatiche.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  15. Daniiiii ma mica sapevo che avessi un blog !!
    Poi mi imbatto in questo meraviglioso post dedicato al tuo cucciolo ♥
    Il Signore swt vi doni tutto il meglio. Un bacio grande

    RispondiElimina
  16. Ciao e complimenti Daniela mi hai fatto commuovere.Ti seguo da una settimana e ho notato questo post e siccome io sono un giapponese che è nato in Italia quindi non ha esperienza culturale con il Giappone ho iniziato a seguirti.E il punto e che...MI CHIAMO PURE IO KENGO xD...che coincidenza.

    RispondiElimina